Fiaba Forum

Fiaba Forum
[ Home | Registrati | Discussioni Attive | Discussioni Recenti | Segnalibro | Msg privati | Sondaggi Attivi | Utenti | Download | Cerca | FAQ ]
Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 Generale
 OFF Topic
 QUESTA POI...
 Forum Bloccato
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  

Gadom
Fiaba Roadie


Regione: Sicilia
Prov.: CT
Città: Catania


385 Messaggi

Inserito il - 20 ottobre 2007 : 11:22:26  Mostra Profilo  Clicca per vedere l'indirizzo MSN di Gadom Invia a Gadom un Messaggio Privato
Ok, so che la politica non c'entra molto con la musica (almeno per ora) pero' questa è una cosa che coinvolge tutti:

Ricardo Franco Levi, braccio destro di Prodi, sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, ha scritto un testo per tappare la bocca a Internet. Il disegno di legge è stato approvato in Consiglio dei ministri il 12 ottobre. Nessun ministro si è dissociato. Sul bavaglio all’informazione sotto sotto questi sono tutti d’accordo.
La legge Levi-Prodi prevede che chiunque abbia un blog o un sito debba registrarlo al ROC, un registro dell’Autorità delle Comunicazioni, produrre dei certificati, pagare un bollo, anche se fa informazione senza fini di lucro.
I blog nascono ogni secondo, chiunque può aprirne uno senza problemi e scrivere i suoi pensieri, pubblicare foto e video.
L’iter proposto da Levi limita, di fatto, l’accesso alla Rete.
Quale ragazzo si sottoporrebbe a questo iter per creare un blog?
La legge Levi-Prodi obbliga chiunque abbia un sito o un blog a dotarsi di una società editrice e ad avere un giornalista iscritto all’albo come direttore responsabile.
Il 99% chiuderebbe.
Il fortunato 1% della Rete rimasto in vita, per la legge Levi-Prodi, risponderebbe in caso di reato di omesso controllo su contenuti diffamatori ai sensi degli articoli 57 e 57 bis del codice penale. In pratica galera quasi sicura.
Il disegno di legge Levi-Prodi deve essere approvato dal Parlamento. Levi interrogato su che fine farà il blog di Beppe Grillo risponde da perfetto paraculo prodiano: “Non spetta al governo stabilirlo. Sarà l’Autorità per le Comunicazioni a indicare, con un suo regolamento, quali soggetti e quali imprese siano tenute alla registrazione. E il regolamento arriverà solo dopo che la legge sarà discussa e approvata dalle Camere”.
Prodi e Levi si riparano dietro a Parlamento e Autorità per le Comunicazioni, ma sono loro, e i ministri presenti al Consiglio dei ministri, i responsabili.
Se passa la legge sarà la fine della Rete in Italia.

CONTRARISSIMI sono stati Scanio e Di Pietro:
"E’ una legge liberticida, contro l’informazione libera e contro i blogger che ogni giorno pubblicano articoli mai riportati da giornali e televisioni.
Io faccio parte del Governo e mi prendo le mie responsabilità per non aver intercettato il disegno di legge, ma per quanto mi riguarda questa legge non passerà mai, anche a costo di mettere in discussione l’appoggio dell’Italia dei Valori al Governo."

Il Ministro dell' Ambiente si scusa in questo modo:

"Dico subito che quel giorno, dopo aver tentato di migliorare il decreto sul welfare, sono dovuto correre al Quirinale per premiare i giovani impegnati sul cambiamento climatico e non ho potuto seguire la norma che sta allarmando la Rete. Rileggendola oggi, mi sembra decisamente restrittiva per chi gestisce un blog o una pagina web. Il popolo della rete ha lanciato l’allarme, e noi l'abbiamo recepito. Il controllo dei cittadini e del web sull'operato di chi governa in questo caso ha sortito il suo effetto, e mi sembra un grande esempio di democrazia.
Essendo solo un disegno di legge, dovrà passare in Parlamento per l’approvazione, i Verdi quindi presenteranno emendamenti a questa norma per evitare che ci siano restrizioni per chi apre un blog e per consentire a tutti gli utenti di poter parlare liberamente nella rete, preservando la libertà di espressione e la democrazia web."

Ecco un articolo de "La Repubblica": http://www.repubblica.it/2007/10/sezioni/scienza_e_tecnologia/testo-editoria/testo-editoria/testo-editoria.html

TUTTI sono invitati a scrivere al GENIO dal quale è scaturito questo disegno di legge: levi_r@camera.it e si puo', fare, scrivere mail non è reato. Almeno per ora.


Come ultima cosa, posto uno dei tanti commenti al post relativo, comparso ovviamente sul blog di beppe grillo.
Inserisco il testo della mia mail al dipendente LEVI:
Vergognatevi....la rete è e deve restare libera...
chissà come mai adesso la rete libera non và più bene?...forse perchè avete paura che qualcuno vi possa fare concorrenza in termini di potere??....IL POPOLO?
Voi sareste l'organo che esprime la volontà del popolo?...
questa è la DEMOCRAZIA?....Tornate sui banchi di scuola và che è meglio....
c'è più democrazia nelle mie ingiurie nei vostri confronti che in tutte le vostre leggi "carta igenica"....
avete stufato tutti con la vostra inutile (anzi, utilissima a voi) MALApolitica....
ed è vero: MEGLIO ANTIPOLITICA CHE MALAPOLITICA....
Vi ho votato....ma è un'errore che non commetterò più....siete come Berlusconi....siete tutti uguali....
e dovete continuare a sentirvelo dire da tutti gli italiani che ormai ne hanno le scatole piene delle
vostre "lacrime nella pioggia".....
e ve lo dice uno di quei pochi sfigati che in questo paese paga tutte le tasse (perfino il canone RAI) e lavora come un cane.....
state attenti, perchè se ci rompiamo i maroni tutti insieme, non so mica dove potrete andare a nascondervi....
con poca stima (non nei suoi confronti ma di tutti voi che INDEGNAMENTE ci rappresentate)

__________________________________________________________






]




Modificato da - Gadom in Data 20 ottobre 2007 11:24:08

liutprando
Membro Master



Regione: Italia
Prov.: mi
Città: milano


530 Messaggi

Inserito il - 20 ottobre 2007 : 20:19:06  Mostra Profilo Invia a liutprando un Messaggio Privato
Gli ho scritto anche io. Passerà molto tempo prima che una cabina elettorale mi riveda nuovamente. Questi vanno spazzati via tutti, come dice giustamente Grillo.

Quando il proiettile tornerà a casa sua,
quando la lacrima sarà solo pioggia,
quando torneremo a tremare contenti
pensando ai cuori sommersi,
allora darò un bacio a quest’acqua
che tace,
ma conosce ogni cosa.
Torna all'inizio della Pagina

wayward son
Membro Master


Regione: Lazio
Prov.: RM
Città: Roma


524 Messaggi

Inserito il - 23 ottobre 2007 : 11:51:13  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di wayward son Invia a wayward son un Messaggio Privato
Credo che la disinformazione sia qualcosa di letale. Così come i 'falsi profeti' come Grillo e affini.

Se qualcuno si fosse preso la briga di leggerlo quel testo di legge avrebbe capito che si è scritto un puttanaio di cazzate al riguardo.

La libertà di internet è un arma a doppio taglio, bellissima, ma pericolosa quando le fonti non sono attendibili e sparano cazzate (come in questo e tanti altri casi).

Questo è il commento di un amico giornalista fatto sul mio forum:


Posso dirlo? Posso?
Grillo ha rotto il cazzo. Va bene forzare e tirare l'acqua al proprio mulino, pero' magari sta un po' esagerando.

Cercando su Internet
Il Cdm ha dato il via libera il 12 ottobre a questa cosa.
Da www.governo.it
Citazione:
su proposta del Presidente del Consiglio, Romano Prodi:

- un disegno di legge per la nuova disciplina dell’editoria quotidiana, periodica e libraria, che conferisce al Governo una delega per l’emanazione di un testo unico finalizzato al riordino dell’intera legislazione del settore. In coerenza con i principi costituzionali in materia, la riforma promuove un crescente pluralismo ed un maggiore sostegno all’innovazione, all’occupazione, alla trasparenza delle provvidenze pubbliche; sul testo è stato acquisito il parere della Conferenza unificata;



Andando a cercare cos'e' il disegno di legge, trovo questo

http://www.primaonline.it/allegati/file162157249060255.doc

Che ci spiega meglio.

Art. 7 (Attività editoriale su internet)
Citazione:

1. L’iscrizione al Registro degli operatori di comunicazione dei soggetti che svolgono attività editoriale su internet rileva anche ai fini dell’applicazione delle norme sulla responsabilità connessa ai reati a mezzo stampa.
2. Per le attività editoriali svolte su internet dai soggetti pubblici si considera responsabile colui che ha il compito di autorizzare la pubblicazione delle informazioni.


Quindi, in primo luogo, l'iscrizione serve anche, anche, a evitare che la gente su Internet dica immani falsita' e provochi danni. Si chiama reato a mezzo stampa, il piu' tipico e' la diffamazione.
Pero', io che sono cmq contrario alle registrazioni in genere, vado a indagare.
Cos'e' l'attivita' editoriale?
Il dl ci aiuta anche qui.
Citazione:
Art. 5 (Esercizio dell’attività editoriale)

1. Per attività editoriale si intende ogni attività diretta alla realizzazione e distribuzione di prodotti editoriali, nonché alla relativa raccolta pubblicitaria. L’esercizio dell’attività editoriale può essere svolto anche in forma non imprenditoriale per finalità non lucrative.



E dico, cazzo, allora e' vero. Come al solito c'e' un altro rimando. Cioe', dovremmo capire cos'e' il prodotto editoriale.

Sempre il dl.
Citazione:
1. Per prodotto editoriale si intende qualsiasi prodotto contraddistinto da finalità di informazione, di formazione, di divulgazione, di intrattenimento, che sia destinato alla pubblicazione, quali che siano la forma nella quale esso è realizzato e il mezzo con il quale esso viene diffuso


Allora penso, cazzo, sono proprio pezzi di merda, vogliono tarpare le ali alla rete, soprattutto con le parole ''quali che siano la forma [...] e il mezzo...".
Pero' poi mi ricordo che nel 2001 era gia' uscito qualcosa sull'editoria.
Vado a cercare e trovo.
http://www.camera.it/parlam/leggi/01062l.htm

Da cui
Citazione:

Capo I
DISPOSIZIONI GENERALI
Art. 1.
(Definizioni e disciplina del prodotto editoriale)
1. Per «prodotto editoriale», ai fini della presente legge, si intende il prodotto realizzato su supporto cartaceo, ivi compreso il libro, o su supporto informatico, destinato alla pubblicazione o, comunque, alla diffusione di informazioni presso il pubblico con ogni mezzo, anche elettronico, o attraverso la radiodiffusione sonora o televisiva, con esclusione dei prodotti discografici o cinematografici.



Partendo dal presupposto che le parole in piu' sono formazione, divulgazione e intrattenimento, mi girano comunque i coglioni, perche' e' comunque una limitazione. Rimane pero' il regolamento dell'Autorita', che deve stabilire quando la formazione, la divulgazione e l'intrattenimento diventano attivita' principale del sito, che quindi lo obbligano ad iscriversi. In questo caso, temo che i deliri di WAYWARD SON sul suo blog, come quelli dell'80% dei blogghisti, siano esclusi. Per prima somma scornata di Grillo.

In secondo luogo, non sono riuscito a trovare da nessuna parte riferimento ad un presunto "direttore responsabile" che deve reggere le fila del tuo blog o del tuo sito. Non ve ne e' traccia. Forse Grillo fa confusione con le precedenti norme passate nel 2001 che obbligavano i siti a carattere informativo, ad esempio repubblica.it, o corriere.it o lavoce.info, ad avere un direttore responsabile da chiamare in causa se dice cazzate. Allo stesso tempo, la societa' editrice, non viene mai nominata. Mai.
Infine, dire che "Il fortunato 1% della Rete rimasto in vita, per la legge Levi-Prodi, risponderebbe in caso di reato di omesso controllo su contenuti diffamatori ai sensi degli articoli 57 e 57 bis del codice penale. In pratica galera quasi sicura" Mi fa scoreggiare l'anima.
Perche' non ho visto un giornalista uno finire in galera, tranne che in America e in secondo luogo perche' quell'1% che rimarrebbe, lo dice lui, sono proprio i giornalisti, che di fatto rischierebbero gia' la galera.

Ora, a me tutto questo pare terrorismo psicologico, e soprattutto mi sembra giustificare il fatto che se uno pretende di fare informazione, di dire cose alle persone, debba anche sottostare alle leggi che disciplinano tale settore. Non puo' uscirsene e dire cio' che vuole, soprattutto se sa di avere una eco tale.
La forza della rete e' che tutti possono scrivere cio' che vogliono ma e' anche la sua debolezza, proprio perche' si rischia di causare danni infiniti.

Carry On My Wayward Son
Torna all'inizio della Pagina

Gadom
Fiaba Roadie


Regione: Sicilia
Prov.: CT
Città: Catania


385 Messaggi

Inserito il - 23 ottobre 2007 : 13:23:29  Mostra Profilo  Clicca per vedere l'indirizzo MSN di Gadom Invia a Gadom un Messaggio Privato
In ogni caso è inutile fare disegni di legge che nn fanno altro che far accanire contro di te anche quei pochi "elettori" rimasti.
QUESTA NON E' DEMOCRAZIA!!!

Qualcuno diffama a mezzo stampa? Bene. Finanza, ricerche, arresto. Fine.
Non c'è bisogno di chiudere un'ospedale perchè sono stati visti due scarafaggi nel corridoio.

Si lamentavano, giustamente, che berlusconi ha fatto licenziare biagi, santoro e luttazzi, (sembrava di essere tornati al ventennio fascista) beh questo non è da meno, secondo me.

Spero che l'onorevole riceva tante email da intasare la sua casella.

__________________________________________________________






]




Modificato da - Gadom in data 23 ottobre 2007 13:25:05
Torna all'inizio della Pagina

wayward son
Membro Master


Regione: Lazio
Prov.: RM
Città: Roma


524 Messaggi

Inserito il - 24 ottobre 2007 : 09:02:33  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di wayward son Invia a wayward son un Messaggio Privato
Citazione:
Messaggio inserito da Gadom

In ogni caso è inutile fare disegni di legge che nn fanno altro che far accanire contro di te anche quei pochi "elettori" rimasti.
QUESTA NON E' DEMOCRAZIA!!!

Qualcuno diffama a mezzo stampa? Bene. Finanza, ricerche, arresto. Fine.
Non c'è bisogno di chiudere un'ospedale perchè sono stati visti due scarafaggi nel corridoio.

Si lamentavano, giustamente, che berlusconi ha fatto licenziare biagi, santoro e luttazzi, (sembrava di essere tornati al ventennio fascista) beh questo non è da meno, secondo me.

Spero che l'onorevole riceva tante email da intasare la sua casella.



Fermo Gaetà. Ad oggi Internet non è considerata STAMPA. Quindi tu puoi aprire un blog (come Grillo), diffondere notizie false e/o diffamare (come Grillo), trarne vantaggi personali (come Grillo) e nessuno, dico, NESSUNO può dirti niente. Se lo fa un giornalista va in galera (in teoria).

Questo, sarai d'accordo, non è proprio giustissimo.

Non è un caso che proprio Grillo abbia gridato allo scandalo diffondendo notizie del cazzo sull'argomento. Lo aveva già fatto quando tentarono di fargli pagare il superbollo per il suo SUV (tanto per fare un esempio).

Carry On My Wayward Son
Torna all'inizio della Pagina

liutprando
Membro Master



Regione: Italia
Prov.: mi
Città: milano


530 Messaggi

Inserito il - 31 ottobre 2007 : 18:35:01  Mostra Profilo Invia a liutprando un Messaggio Privato
Sarà , ma la mia idea di metterli tutti contro un muro e tirare il grilletto, come ai bei tempi della Rivoluzione di Ottobre, mi piace molto di più. Se vuoi ci mettiamo dentro anche Grillo: un miliardario in meno non può che fare bene all'umanità.


Quando il proiettile tornerà a casa sua,
quando la lacrima sarà solo pioggia,
quando torneremo a tremare contenti
pensando ai cuori sommersi,
allora darò un bacio a quest’acqua
che tace,
ma conosce ogni cosa.
Torna all'inizio della Pagina
  Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  
 Forum Bloccato
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:
Fiaba Forum © 2002-2012 www.fiabaweb.com Torna all'inizio della Pagina
Tradotto Da: Vincenzo Daniele & Luciano Boccellino- www.targatona.it | Distribuito Da: Massimo Farieri - www.superdeejay.net | Powered By: - Snitz Forums 2000 Version 3.4.03

Antidoto.org | Brutto.it | Estela.org | Equiweb.it