Fiaba Forum

Fiaba Forum
[ Home | Registrati | Discussioni Attive | Discussioni Recenti | Segnalibro | Msg privati | Sondaggi Attivi | Utenti | Download | Cerca | FAQ ]
Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 Fiaba
 Fiaba Fan Forum
 Recensione "la pelle nella luna"
 Forum Bloccato
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  

red jester
Membro Medio

Città: palermo


164 Messaggi

Inserito il - 13 maggio 2012 : 15:32:34  Mostra Profilo Invia a red jester un Messaggio Privato
copio e incollo...con qualche aggiustatina il disco è uscito in anticipo..nessuno l'ha ancora ascoltato!? accattativillo!!!voglio il vostro parere quanto prima!!!!...
Che dire amici? trattasi a mio avviso di un buonissimo lavoro! decisamente dark e metallico ma con i soliti momenti beffardi e stralunati che sono il marchio di fabbrica della band.
per quando riguarda i testi.. beh..ci sono parecchi momenti ispirati ma anche qualche momentuccio
un po' cosi'...siamo su buoni livelli ma distanti dai picchi a cui bruno ci
ha abituato( ma è lui che ci ha abituato male..:-).forse meno poetici(a tratti)e piu' "descrittivi"...la struttura "concept" non ha forse il magico "collante" dello sgabello ma regge benone. per quanto riguarda invece la qualita' di registrazione..beh.. sembrerebbe ottima! forse la migliore fin qui.

brano per brano le mie impressioni:

1)l'inquisito: l'ouverture(decisamente metal!) e' tecnicamente apprezzabilissima, ma sei veramente"dentro" la storia solo quando il brano si "apre" con le chitarre "fiabesche" in primo piano..il basso
è cupo ed ossessivo
ed introduce al cantato di brancato che è davvero originale
ed azzeccatissimo(spezzato.. quasi alla "profezia"). ottime le doppie voci che
danno pathos.buon inizio!

2)le due nature: un breve ponte acustico simile a quello che collegava con la danza
alla pioggia. Di gran gusto e davvero commovente soprattutto per il
testo poetico.

3)il povero giacobbe:brano martellante quasi pfm-De Andre' o quasi appiccato:-) peccato
per la breve durata..forse un bridge non guastava..comunque l'hit dell'album..
qui ci sono i fiaba che conosciamo e amiamo. da pogarci dal vivo!!:-)

4)l'uomo è la preda: breve momento quasi cinematografico(da' il senso
dell'uomo braccato,della caccia..) con inserti di musica "concreta" quasi floyd..
dopo alcuni ascolti ti accorgi che e' il tema sonoro ripreso del primo pezzo. non male, decisamente "dark" ma con strumenti e voce forse un po' troppo all'unisono...

5)le bestie del villaggio di ogre.
il vero gioiello del disco! qui, gia' dal
cantato(diavolo d'un brancato!fate caso a come viene declamato "LUPI" nella prima strofa.sadico e geniale!!)sei
difronte ad una scena da terrore da inquisizione! sei davvero proiettato nell'oscurita'
di quel periodo (forche e croci )! questa è la misura
esatta del dark fiabesco che non sconfina nel deja vu e nel banale!. espressivo e drammatico il basso di rubino. e alla fine...
la sorpresa con i break stralunati(quasi primissimo Oldfield) e rubineschi che non ti aspetti. e che
trasforma il lupo in..pecorella..o quasi...

6)la piccola Greta:la devi digerire per apprezzarla, ma è a mio avviso una grande ballad! Molto "banco del mutuo
soccorso", con brancato che fa quasi il f.di Giacomo. . Un
gioiellino anche per gli arabeschi delle chitarre elettriche.

7) il patto coi lupi:avanti miei prodi!!!!Metallazzo!!!in verita' non mi fa impazzire musicalmente (anche se calza a pennello coi testi) e procede quasi per inerzia... il break quasi recitato è molto(forse troppo..) "sgabello...". e' un brano comunque parodistico nella sua apparente ferocia ..e cio' lo salva.

8)il cerchio della morte: brano cadenzato da cantastorie di carrozzone
comenciniano..quasi una marcia funebre clownesca."compagnia di canto popolare"? siamo li'...bozzetto circense
comunque riuscitissimo con il basso dislabrato a mo' di timpano..brancato come
al solito superbo. forse un pochetto di deja vu..

9)morte di un presunto lupo mannaro: titoli un po' da noir anni 70.. comunque
il brano è aggiornamento della passione di bruno per l'operetta(gia' nel bambino e
nello sgabello era presente).. gli accordi quasi dissonanti mi piacciono
parecchio. atmosfera goliardica e scanzonata proprio da osteria! ogni cosa è al suo posto e in un brano appunto teatrale deve essere
cosi'.brava la band e bravo brancatuzzo!

10)all'ombra della giustizia:anche qui un titolo da cinematografia di serie b
anni 70.....(fa compagnia per bruttezza ai sogni nel sacchetto..:-).ballad che redime e riappacifica con il mondo.
giocata su sfumature che funzionano (a mio avviso) nelle parti delle strofe sottolineate alla fine dalle elettriche e un po' meno nel resto e nel ritornello(un po' trascinato e dalla metrica sgangherata,cosa davvero inusuale per i fiaba!). una volta tanto non convince appieno l'arrangiamento delle percussioni...senza infamia e senza
lode dal punto di vista emozionale e con un pizzico di retorica nei testi ("anche noi dovremmo fare .."). Si poteva chiudere meglio ma e' brano non da disprezzare e che, sono sicuro, dividera' il popolo fiabesco.

tirando le somme ..beh..la statistica era dietro la porta... e dopo 4 album che gravitano a mio avviso intorno all'8 pieno(con la ciliegiona del bambino coi sonagli)..ecco un album da 7 pieno con cromatismi differenti. mi ritengo abbastanza soddisfatto. sono pochi i gruppi che si mantengono SEMPRE su buonissimi livelli,e i fiaba sono tra questi! quindi, al di la' delle mie pippe mentali da spietato "sezionatore chirurgico",tributo al gruppo... 92 minuti di applausi!!!
p.s. piuttosto l'augurio e' che in futuro non si sterzi ulteriormente su cliche' di prog metal datato e poco sorprendente..altrimenti diventate monelli...


wayward son
Membro Master


Regione: Lazio
Prov.: RM
Città: Roma


524 Messaggi

Inserito il - 14 maggio 2012 : 15:29:51  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di wayward son Invia a wayward son un Messaggio Privato
Non riporto lo sproloquio delle mail a te e a Burno ;)

Il parere non è cambiato di molto.

Ci sono cose splendite ed altre che sono riuscite meno.

Generalmente non ho apprezzato la rincorsa verso la metallata, soprattutto per quei suoni troppo ultimi fates warning che tutt'oggi mi sembrano fuori luogo, in secondo luogo ci sono dei momenti in cui c'è un evidente scollamento fra musica e testo.

Ultimo, ma non meno importante, il fatto che in alcuni frangenti la voce di Giuseppe non riesce ad andare a punto. Soprattutto nei momenti più oscuri e marci, quella voce così caricata, che tanto apprezzo normalmente, non c'entra perfettamente l'obbiettivo (il "giullare cantore" non funziona su temi così lugubri e senza ombra di ironia o sarcasmo o sottlineatura grottesca). Ho invece apprezzato tantissimo, l'uso, sempre da parte di Giuseppe, di un registro più "cantautorale" in alcuni momenti (tipo l'ultimo brano).

Carry On My Wayward Son
Torna all'inizio della Pagina

DANIELE
Membro Attivo



Regione: Estero


289 Messaggi

Inserito il - 18 maggio 2012 : 08:37:21  Mostra Profilo Invia a DANIELE un Messaggio Privato
Ho l'edizione in vinile bianco. Copia numero 11

L'ho ascoltanto soltanto una volta e per rispetto di tutto il lavoro che c'è dietro la costruzione di un disco, non posso dare un giudizio che potrebbe rivelarsi troppo affrettato.


Quello che però salta all'occhio, è la breve durata 37 min... e qualche assolo di chitarra un pò "banalotto".

Ma state tranquilli che ci sono tanti aspetti aspetti positivi (una delle migliiori produzioni dei Fiaba) e di sicuro è tutto tranne che un brutto disco


A presto per un giudizio complessivo

Modificato da - DANIELE in data 18 maggio 2012 17:44:27
Torna all'inizio della Pagina

wayward son
Membro Master


Regione: Lazio
Prov.: RM
Città: Roma


524 Messaggi

Inserito il - 19 maggio 2012 : 09:53:10  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di wayward son Invia a wayward son un Messaggio Privato
qui (http://www.outune.net/dischi/medium/fiaba-la-pelle-nella-luna/55846) potete trovare i miei 2 centesimi ufficiali al riguardo.


A latere, il disco col tempo cresce abbastanza. Se al primo ascolto non mi aveva convinto affatto, pian piano le cose sono migliorate (e, credetemi, sono abbastanza cinico da non farmi condizionare dal fatto che ci sia scritto Fiaba in copertina e che si tratti del lavoro di persone che conosco, stimo e ammiro).

Non penso sia il miglior album della loro carriera, di sicuro è il più coraggioso (in una discografia dove certo il coraggio non è mai mancato, per altro) ed è davvero encomiabile il tentativo di cambiar pelle. Tentativo tutto sommato pure riuscito direi.

Ed anche sicuro come ci siano parecchie perle disseminate fra i vari solchi dell'album.

Carry On My Wayward Son

Modificato da - wayward son in data 19 maggio 2012 10:02:46
Torna all'inizio della Pagina

wayward son
Membro Master


Regione: Lazio
Prov.: RM
Città: Roma


524 Messaggi

Inserito il - 22 maggio 2012 : 14:56:27  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di wayward son Invia a wayward son un Messaggio Privato
Ma, insomma, sto cazzo di disco l'ho comprato solo io? :D

E fatevi sentire, giuda infame ciabattino!

Carry On My Wayward Son
Torna all'inizio della Pagina

red jester
Membro Medio

Città: palermo


164 Messaggi

Inserito il - 24 maggio 2012 : 19:42:13  Mostra Profilo Invia a red jester un Messaggio Privato
tranquillo! è un classico dei forum...quando non c'è nulla di concreto si chiacchera che è una meraviglia....quando esce l'album invece....spariti tutti!
comunque ho letto la tua recensione. diciamo che hai dato la giusta chiave di lettura per quanto riguarda l'approccio ai testi e alla storia. per quanto riguarda i brani a me piace moltissimo "le bestie nel villaggio di ogre". a te mi pare di no..o sbaglio?
Torna all'inizio della Pagina

liutprando
Membro Master



Regione: Italia
Prov.: mi
Città: milano


530 Messaggi

Inserito il - 24 maggio 2012 : 22:45:03  Mostra Profilo Invia a liutprando un Messaggio Privato
Io lo trovo fantastico, sia per l'argomento che per le musiche. molto spiazzante la parte strumentale iniziale, ma poi entriamo in pieno mondo Fiaba. ''La doppia natura'', mi ha fatto venire i brividi: l'interpretazione di Beppe è clamorosa : ti pare di vedere la trasformazione in lupo che si compie davanti a te. Prometto a breve una recensione dettagliata , ora sono di corsissima : la Natura mi pretende !!!


Credo un uomo scelga allora, non importa se bambino, quando viene rivelato ciò che vuole e deve fare: Ho indossato quel cappello, il mio destino da Giullare.
Torna all'inizio della Pagina

DANIELE
Membro Attivo



Regione: Estero


289 Messaggi

Inserito il - 25 maggio 2012 : 10:23:52  Mostra Profilo Invia a DANIELE un Messaggio Privato
Rispetto ai dischi precedenti, La pelle nella luna è più "ascoltabile" e musicalmente meno intricato.
Anche se in realtà ci vogliono, anche qui, ripetuti ascolti...
E' il disco più "metallico" che hanno fatto grazie ai riff di chitarra molto "Fates Warning".
Per quanto riguardano i testi, è il disco più "cupo" con una tematica molto "forte".
Brani spesso corti e d'impatto, le canzoni che ho apprezzato di più dell'album sono: "Le due nature", "All'ombra della giustizia", "Le bestie del villaggio di Ogre".
Tre perle...di una grande collana!!!
Poi se si vogliono andare a vedere i difetti, ho notato qualche arpeggio un pò troppo simile in canzoni diverse, qualche assolo di chitarra abbastanza banale e la voce di Brancato che ogni tanto è un pò "fuori" dal contesto musicale.

Ma ci sono troppi pregi per andare a vedere i difetti.

Un grande ritorno!

Modificato da - DANIELE in data 25 maggio 2012 10:25:49
Torna all'inizio della Pagina

wayward son
Membro Master


Regione: Lazio
Prov.: RM
Città: Roma


524 Messaggi

Inserito il - 25 maggio 2012 : 11:40:47  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di wayward son Invia a wayward son un Messaggio Privato
Secondo me la storia degli arpeggi simili è fortissimamente voluta (io l'ho apprezzata molto) e rientra in pieno nella tradizione settantiana del concept album. In effetti ci sono anche dei riff e altre soluzioni elettriche riprese qua e là. Proprio per donare continuità laddove non sembra essercene.

A livello di costruzione del concept devo dire di essere molto soddisfatto, il disco ha una sua coerenza e l'idea di spezzare la/le microstorie e sparpagliarle anche in ordine temporale superato lo smarrimento dei primi ascolti, devo ammettere sia un scelta proprio vincente.


Carry On My Wayward Son
Torna all'inizio della Pagina

flavi69
Nuovo Arrivato


Regione: Lombardia
Prov.: Milano
Città: Rozzano


33 Messaggi

Inserito il - 08 giugno 2012 : 18:37:41  Mostra Profilo Invia a flavi69 un Messaggio Privato
mi sono arrivati oggi la ristampa dei primi due e il nuovo. Ora inizio l'ascolto, ma dalle prime cose che avete scritto ci sarà da divertirsi. Per inciso io adoro i Fates Warning e in generale quasi tutto quello che è firmato da Jim Matheos

i tempi cambiano...speriamo siano dispari
Torna all'inizio della Pagina

wayward son
Membro Master


Regione: Lazio
Prov.: RM
Città: Roma


524 Messaggi

Inserito il - 21 giugno 2012 : 13:04:52  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di wayward son Invia a wayward son un Messaggio Privato
E comunque siete dei puzzoni.

A fare la bava, quando esce, quando non esce, e qui e lì. E siete ancora TUTTI nascosti.

Allora? Pareri? Opinioni?

Carry On My Wayward Son
Torna all'inizio della Pagina

flavi69
Nuovo Arrivato


Regione: Lombardia
Prov.: Milano
Città: Rozzano


33 Messaggi

Inserito il - 30 giugno 2012 : 15:45:36  Mostra Profilo Invia a flavi69 un Messaggio Privato
Allora, il caldo ci attanaglia, ma è tempo di esprimere un parere su questo nuovo lavoro dei nostri. La cosa che con il passare degli ascolti mi colpisce di più è l'alternanza di momenti metalloni con ballate acustiche. Il concept inizialmente mi ha un po' deluso, mi aspettavo una storia unica e cronologica, ma alla lunga l'idea del tema comune con storie diverse è bella, anche se la devi deggerì
La cosa che invece mi lascia più perplesso, come già qualcun altro ha rilevato, è la lunghezza ridotta delle canzoni e di tutto l'album . Sarà che quando so di aver a che fare con artisti di questo calibro spero sempre che sfornino ore e ore di musica. Mi sembra che anche stavolta siano riusciti a stupirci: disco cortino, grande alternanza di atmosfere con tema oscuro ma sarcasmo che spunta qua e là ("...nemmeno nei sogni più biechi" del patto coi lupi mi fa veramente sbavare , oltre al "piscia il boscaiolo" della morte di un presunto lupo mannaro) e poi troviamo anche la morale della fiaba nel bellissimo testo "all'ombra della giustizia". Interpretazione magistrale di Brancato nel "cerchio della morte" ma un po' in tutto il lavoro. Bruno sempre eccellente dietro le pelli, e anche al basso e chitarra acustica non scherza: ma che vuole fare la "one man band"? . Duo chitarristico molto in evidenza:bravi-bravi -
Insomma, si capisce che mi piace sempre di più?
Poi se mi verrà in mente altro lo posto, ciaoooo

i tempi cambiano...speriamo siano dispari
Torna all'inizio della Pagina

Gadom
Fiaba Roadie


Regione: Sicilia
Prov.: CT
Città: Catania


385 Messaggi

Inserito il - 07 luglio 2012 : 17:24:33  Mostra Profilo  Clicca per vedere l'indirizzo MSN di Gadom Invia a Gadom un Messaggio Privato
CIIIIIIIIIIIIIIIIIIAO RAGAZZI!!!

Come va??? Se non fosse per i nuovi lavori dei Fiaba questo forum sarebbe deserto!
Ma purtroppo come tutti i forum, anche questo ha subìto un duro colpo da faccialibro!

Ma comunque, ciancio alle bande, dopo tanto tempo torno a scrivere qui, ho appena ordinato tutto l'ordinabile in LP e CD!!
QUINDI PRIIIMA me li ascolto IO, e poi mi leggo le vostre recensioni!

PS: ovviamente anche io un po' ho lasciato perdere questo forum, con la "scomparsa" dei Fiaba o presunta tale, devo dire la verità, ho pensato a un certo punto che non ci fosse più speranza... e invece proprio quando neanche ci pensavo più... ecco che arriva il disco!!
L'ultimo live (o il primo?? :P ) a lentini non ho potuto vederlo per varie vicissitudini mie, mi hanno detto che è stato spaziale... e soprattutto che non sarà il solo!
Torna all'inizio della Pagina

Sciacca Sebastiano
Nuovo Arrivato



Regione: Sicilia
Prov.: Siracusa
Città: Carlentini


33 Messaggi

Inserito il - 07 luglio 2012 : 19:57:08  Mostra Profilo Invia a Sciacca Sebastiano un Messaggio Privato
Salve a tutto il popolo "FIABESCO", posso confermare quanto detto da Gadom, il live di Lentini(splendida location, e ottimo service) è stato magnifico sotto tutti i punti di vista, la band grazie ai due nuovi elementi (chitarrista e bassista), ha acquistato un sound molto grintoso e potente, non ha conosciuto pause fra un brano e l'altro(pochissimi secondi), dall'ultimo (CAPO)lavoro è stata riproposta solamente "Le Due Nature", dal vivo rende magnificamente così come sul cd, ottima prestazione della band siracusana, un live favoloso, l'ennesima riconferma che i ragazzi non deludono mai!

Citazione:
Messaggio inserito da Gadom

CIIIIIIIIIIIIIIIIIIAO RAGAZZI!!!

Come va??? Se non fosse per i nuovi lavori dei Fiaba questo forum sarebbe deserto!
Ma purtroppo come tutti i forum, anche questo ha subìto un duro colpo da faccialibro!

Ma comunque, ciancio alle bande, dopo tanto tempo torno a scrivere qui, ho appena ordinato tutto l'ordinabile in LP e CD!!
QUINDI PRIIIMA me li ascolto IO, e poi mi leggo le vostre recensioni!

PS: ovviamente anche io un po' ho lasciato perdere questo forum, con la "scomparsa" dei Fiaba o presunta tale, devo dire la verità, ho pensato a un certo punto che non ci fosse più speranza... e invece proprio quando neanche ci pensavo più... ecco che arriva il disco!!
L'ultimo live (o il primo?? :P ) a lentini non ho potuto vederlo per varie vicissitudini mie, mi hanno detto che è stato spaziale... e soprattutto che non sarà il solo!

Torna all'inizio della Pagina

flavi69
Nuovo Arrivato


Regione: Lombardia
Prov.: Milano
Città: Rozzano


33 Messaggi

Inserito il - 11 luglio 2012 : 10:59:26  Mostra Profilo Invia a flavi69 un Messaggio Privato
Citazione:
Messaggio inserito da Sciacca Sebastiano

la band grazie ai due nuovi elementi (chitarrista e bassista)


come si chiamano i nuovi? Quale dei due chitarristi ha lasciato la band?
A questo proposito, qualcuno sa i motivi della dipartita del bassista Giuseppe Capodieci e del chitarrista?

i tempi cambiano...speriamo siano dispari
Torna all'inizio della Pagina

Gadom
Fiaba Roadie


Regione: Sicilia
Prov.: CT
Città: Catania


385 Messaggi

Inserito il - 18 luglio 2012 : 13:53:14  Mostra Profilo  Clicca per vedere l'indirizzo MSN di Gadom Invia a Gadom un Messaggio Privato
Ed eccomi qui, dopo diversi ascolti, a parlare di questo nuovo lavoro dei Fiaba.

L'ho definito in un altro topic un "Capolavoro mancato". E' indubbiamente un concept album, anche se le tracce non sono fisicamente legate. A dire il vero credo che non siano neanche consecutive.

Io la butto là: è possibile che ci siano gli episodi messi "a caso", alla "pulp fiction"? Forse ho capito male o sto dicendo una vaccata, ma collocherei prima l'episodio di "Greta", che salva un lupo che "Da allora divora ogni uomo"... poi Giacobbe, che viene plagiato dalla belva, poi inquisito e successivamente giustiziato...

In ogni caso, passiamo ai brani. Anzi ai BrUni.

Inquisito: perfetta per sostituire "l'omino di latta" come apertura nei concerti, per caricare da subito la folla, e per mettere già in chiaro (a chi non lo sapesse) fin dove può arrivare la voce di Giuseppe! Ma andiamo al disco in sè: da subito si capisce che Bruno non è invecchiato di un giorno, e che ancora può far invidia a Mike Portnoy. Le chitarre hanno un suono gotico, e fanno subito intuire ciò che arriverà dopo. A sentire le prime battute mi sono venuti in mente gruppi come i Novembre, per restare in Italia...
Non mi piace il finale a sfumare, che non si colloca esattamente bene in un ambiente rock...

Due nature: la "ballata" capolavoro che puntualmente arriva in ogni album dei Fiaba. Assolutamente uno dei migliori, ancora non so se il migliore pezzo in assoluto degli inediti firmati Rubino. Poetica, descrittiva, commovente, un pezzo talmente perfetto, che quasi sembra un intruso in questo disco pieno di imperfezioni non strettamente musicali quanto "stilistiche".
Come diceva qualcuno, Bruno ci ha abituati TROPPO bene!

Giacobbe / Uomo e preda / villaggio Ogre: i pezzi di cui Bruno può vantarsi. Ritmiche sopraffine di basso e batteria. E' qui che si nota quanto sia cambiato il modo di fare musica dei Fiaba. Ritmi ora sincopati ora travolgenti, non è un crescendo, è una costante da cui non ci si può staccare. Non a caso prima ho citato Portnoy.
"Le bestie del villaggio di Ogre" attacca praticamente con la stessa battuta della precendente... mi piacciono molto le chitarre utilizzate nel finale.
PS: ma "Ogre" non vuol dire Orco? :P

Il patto coi lupi (di "greta" ho già parlato prima): "da live" anche questa. Bellissime le chitarre, che purtroppo passano in secondo piano coperte da batteria e voce.

Il cerchio: e come in ogni disco c'è il pezzo che mi piace meno. Ed è questo. Molto "cantastorie", per "riposarsi" un po', dopo l'incedere impetuoso dei precedenti brani.

Morte mannaro: Il sapore fortemente gotico di tutto il disco trova grande espressione in questa canzone. Interessante l'attacco delle strofe fino alla chitarra acustica. Secondo me il pezzo sarebbe dovuto andare avanti con questo sapore da "ballata celtica", senza sconfinare, alla fine di ogni strofa, in quelle "stonature" elettriche dal sapore Beat.

Ombra giustizia: Che vi posso dire... De gustibus non disputandum est! Sono letteralmente INNAMORATO di questo pezzo. Sapete quando ti svegli la mattina con quella musica in testa? Ecco.
Sono d'accordo con redjester quando parla di un po' di "retorica". Ma IL METAL SE NE FOTTE DELLA RETORICA!!!! ahaha scherzi a parte, in effetti è l'unica cosa che "non ci sta". A parte questo, canzone fantastica.

Questo disco, come gli altri, è pieno di controcanti. E credo che i live diventerebbero belli il doppio se i Fiaba potessero farli anche sul palco.
Interessante, come si evince dall'intervista a Bruno pubblicata qui sul forum, come ritorni il tema della "mostruosità", di cui la mera rappresentazione grottesca di "mostro", è forse solo un'allegoria...
"Guarda quello cammina come un uomo" oppure "Liberarmi dal dolore d'esser uomo io vorrei" tematica presente in molte altre canzoni passate: il vero mostro, alla fin fine, è l'uomo stesso.

Capolavoro mancato, dicevo. Ma perchè?
La giusta e giustificatissima voglia di Bruno di raccogliere "finalmente" un pubblico più vasto di quello attuale dei Fiaba, si comincia a far sentire. Disco di impronta stavolta più marcatamente gotico/esoterica, dalla copertina al contenuto, e ricerca di suoni e testi in apparenza più immediati. Questa pero' cozza con un adattamento musicale che, come sottolineato da wayward, crea uno "scollamento" con il cantato, ancora troppo radicato nello stile "Fiaba". Attenzione, per me non è assolutamente un difetto!
I Fiaba sono i Fiaba, ci hanno abituati (ripeto per l'ennesima volta) troppo bene, e soprattutto, sono un gruppo "da capire". Per farlo ci vogliono persone colte (musicalmente e non), e di questi tempi la cultura in Italia è morta. Certo, potranno sempre far affidamento su quei 200 Fan che comprerebbero qualsiasi cosa con su scritto "Fiaba", sulle riviste e i siti che li riempiono di elogi com'è giusto che sia, e ovviamente sulla marea di gente che ascolta metal, meglio ancora se goth.
Ora che Bruno ha sperimentato (secondo me) quasi tutte le strade, è il momento di crearsi la propria: suonare, suonare, suonare. Servono tanti concerti e pubblicità. E di questi tempi i Social Network possono dare una grossa mano.
Ai tempi del Giullare, neanche esistevano, e ricordate che fatica???
Spero che il vero successo non sia ancora... L'ONTANO!!!

Modificato da - Gadom in data 19 luglio 2012 01:05:38
Torna all'inizio della Pagina

red jester
Membro Medio

Città: palermo


164 Messaggi

Inserito il - 22 luglio 2012 : 18:43:31  Mostra Profilo Invia a red jester un Messaggio Privato
boh..questo scollamento tra testi e musica io proprio non la trovo.. ..se mi dite i momenti del disco magari..
Torna all'inizio della Pagina

wayward son
Membro Master


Regione: Lazio
Prov.: RM
Città: Roma


524 Messaggi

Inserito il - 23 luglio 2012 : 10:34:14  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di wayward son Invia a wayward son un Messaggio Privato
Ti dico come la vedo io, però permettimi una premessa che spero di riuscire a metter giù breve...

Ci sono dei suoni nel rock che sono diventati archetipici. Ad esempio, una certa armonizzazione delle chitarra che ti fa venire in mente brian may e quindi i queen e quindi affreschi colorati e omoaffettivi. Oppure un certo modo di suonare il blues in levare che ti tira dentro PER FORZA un gonzo vestito da scolaretto e la voglia di saltare nelle gambe.

In questo caso, i Fiaba hanno usato delle soluzioni molto simili per timbrica e stile agli ultimi Fates Warning, quelli per parlavano del mondo attuale e di temi realtivi all'incomunicabilità.

Per quanto mi riguarda quindi, ho una musica che mi chiama alla mente immagini di fabbriche, di gente sola davanti a un computer o chiusa in automobile e dall'altra una vocalità dal sapore "antico". Siamo "oltre" al contrasto di cui parla Bruno (chitarra elettrica e medioevo) per quanto mi riguarda, siamo al tentativo di provare a fondere due visioni che, per quanto mi riguarda, non si riescono a fondere, perché troppo caratterizzate e difficilmente conciliabili.
Troppo moderna base e suoni, troppo "antica" l'intenzione vocale.

Estremizzando, monta linee vocali, voce e ispirazione di Branduardi su una produzione dei Meshuggah. Sarebbe scollata. Perché sono due linguaggi usati storicamente per comunicare cose diverse e questo li ha resi inconcilibili.

Oppure pensiamo ai Primus e mettiamoci i testi di Nick Cave.

In questo disco la cosa è più sfumata. Probabilmente non conoscendo a fondo i Fates Warning non c'è alcun contrasto... Io lo sento e a tratti m'infastidisce.

Poi c'è un discorso a latere: dal punto di vista commerciale il metallo così inteso oggi è puro suicidio. Un disco del genere avrebbe avuto chance commerciali nel lustro precedente al 2000, non oggi.

Carry On My Wayward Son
Torna all'inizio della Pagina

red jester
Membro Medio

Città: palermo


164 Messaggi

Inserito il - 30 luglio 2012 : 17:41:23  Mostra Profilo Invia a red jester un Messaggio Privato
allora..non conosco bene i fates warning pero' ebbi modo di ascoltare un album proprio consigliato da Bruno. ho ricordi davvero sfumati quindi non so dirti..mah....posso capire la intro che effettivamente non ti catapulta nel mondo fiaba(a proposito caro Gadom ..sai che anch'io ho pensato allo stile di portnoy in quei frangenti?)ma il resto mi sembra fiabesco e soprattutto teatrale nella "prospettiva" dei cantati(questo aspetto teatrale francamente non lo ricordo nei fates warning e quindi al di la' dei suoni non mi sembra che ci sia affinita'..).quelo è metal,questo dei fiaba e prog-metal! piuttosto(evito di aprire un nuovo topic) vorrei la vostra impressione sull'ultimo brano(che esalta gadom a quanto pare)...
se ho digerito il patto coi lupi(come dice liutprando "serpeggia la ferocia" ) all'ombra della giustizia non funziona come dovrebbe nel ritornello(l'arrangiamento forse abbisognava anche di una chitarra acustica di accompagnamento anche se e' un ritornello strano perche' non esplode bensi'.. IMPLODE..)e sul finire di alcune strofe("c'è una cosa che tu devi sapere.." e .."tutti noi dovremmo fare")puo' darsi che sia troppo maledettamente ITALIANA e manca di "contrasti armonici"? chiedo lumi...ditemi..
Torna all'inizio della Pagina

Sciacca Sebastiano
Nuovo Arrivato



Regione: Sicilia
Prov.: Siracusa
Città: Carlentini


33 Messaggi

Inserito il - 30 luglio 2012 : 21:51:17  Mostra Profilo Invia a Sciacca Sebastiano un Messaggio Privato
il bassista si chiama Raffaele, forse parecchi anni fa,fece dei concerti a Roma con i Fiaba, sostituendo temporaneamente Capodieci che era impegnato, il chitarrista nuovo invece(che sostituisce Carlo Bonfiglio), non mi ricordo come si chiama, sorry :-)
Citazione:
Messaggio inserito da flavi69

Citazione:
Messaggio inserito da Sciacca Sebastiano

la band grazie ai due nuovi elementi (chitarrista e bassista)


come si chiamano i nuovi? Quale dei due chitarristi ha lasciato la band?
A questo proposito, qualcuno sa i motivi della dipartita del bassista Giuseppe Capodieci e del chitarrista?

i tempi cambiano...speriamo siano dispari

Torna all'inizio della Pagina

Massimo
Amministratore



Regione: Italia


335 Messaggi

Inserito il - 31 luglio 2012 : 15:36:47  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Massimo Invia a Massimo un Messaggio Privato
Citazione:
Messaggio inserito da Sciacca Sebastiano

il bassista si chiama Raffaele, forse parecchi anni fa,fece dei concerti a Roma con i Fiaba, sostituendo temporaneamente Capodieci che era impegnato, il chitarrista nuovo invece(che sostituisce Carlo Bonfiglio), non mi ricordo come si chiama, sorry :-)




Trattasi di Graziano Manuele, già chitarrista dei Ueickap.
Torna all'inizio della Pagina

_FED_
Nuovo Arrivato



1 Messaggi

Inserito il - 01 agosto 2012 : 23:04:12  Mostra Profilo Invia a _FED_ un Messaggio Privato
Ciao a tutti!
Mi reiscrivo al forum dopo qualche anno visto che mi sembra doveroso condividere i pareri sul tanto atteso ritorno dei Fiaba.
Ho aspettato un bel po' prima di commentare anche per cercare di assimilare bene il nuovo lavoro, senza cadere nelle prime impressioni "di getto".
Spero di non risultare prolisso, ma trattandosi di un disco così atteso non potevo esimermi da un commento dettagliato!
Fin dalle prime indiscrezioni che avevo letto dalle interviste una cosa era chiara:
I Fiaba, da sempre caratterizzati dal loro dualismo Rock Progressivo/Metal, con il nuovo album avevano preso una direzione netta e definita: Metal!
Non potevo che accogliere questa notizia in manienra entusiastica, perchè forse a questo punto della loro carriera, dopo aver forgiato e portato avanti per diversi album un genere totalmente personale, mancava solo l'evoluzione stilistica (e badate bene che dico EVOLUZIONE, non cambio di stile).
Ho cominciato fin da subito a fantasticare su come potesse essere il loro nuovo sound ricollegandomi ai loro pezzi piu' "Heavy" come per esempio "Nipote di Strega", cercando di immaginare magari arrangiamenti piu' ricercati o sonorità ancora piu' cupe.
I punti fissi che, però, non volevo assolutamente che mancassero, e che rappresentano secondo me l'essenza dei fiaba, erano le fantastiche immagini che le fiabe di Bruno riescono a rievocare con tanta seplicità e quella miscela inscindibile ti testi e musica che li ha sempre resi inconfondibili.
Incominciando l'ascolto del disco ho subito constatato che la svolta Metal di Bruno fosse intrapresa, invece, attraverso l'utilizzo di sound metal decisamente "tipico".
Il riffing di apertura, come quello presente in molti pezzi (senza ricollegarlo a Fates warning o altri gruppi) rientra comunque pienamente nei canoni del genere, senza offrire un approccio particolarmente personale.
C'è da dire che questa scelta, che mi ha lasciato un po' spiazzato, in alcuni pezzi funziona alla grande (metto come esempio "il patto coi lupi"), ma spesso fa si' che non crei quel equilibrio perfetto con le linee vocali, ottenendo che la "magia" dei Fiaba risulti un po' offuscata.
La fluidità del cantato di Giuseppe che è sempre stato libero di esprimersi in tutte le sue cadenze e sfumature, su questa base piu' "tipica" tende a risultare un po' sacrificata.
Optando per quel genere, sempre secondo me, era necessario partire dal loro lato metal, già maturo in molti pezzi, e rifinirlo, magari, con una maggiore ricercatezza degli arrangiamenti o con una maggiore complessità strumentale.
Se l'aspetto musicale "minimalista" si sposava perfettamente con le tematiche e le atmosfere fiabesche dei primi lavori, questa svolta "oscura" per essere completa richiede anche una particolare attenzione sull'aspetto strumentale.
L'arrivo dei nuovi membri che apprendo da questo forum mi fa sperare bene per il futuro della band (il bassista lo conobbi ai tempi del tour del 2005 e mi ricordo suonasse Fusion, mentre vedo da youtube che il nuovo chitarrista è un virtuoso dello strumento).
In definitiva non lo giudico per nulla un brutto album, e piu' di ogni altra cosa sancisce il ritorno di un gruppo che mai per nulla deve abbandonare la sua produzione musicale nonostante l'avversità della scena italiana, ma dopo anni di attesa avevo sempre pensato l'evoluzione dei fiaba in maniera diversa, non so se a ragione o torto.

Torna all'inizio della Pagina
  Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  
 Forum Bloccato
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:
Fiaba Forum © 2002-2012 www.fiabaweb.com Torna all'inizio della Pagina
Tradotto Da: Vincenzo Daniele & Luciano Boccellino- www.targatona.it | Distribuito Da: Massimo Farieri - www.superdeejay.net | Powered By: - Snitz Forums 2000 Version 3.4.03

Antidoto.org | Brutto.it | Estela.org | Equiweb.it